Federazione Italiana Karate e Discipline Affini
     
Home
Intervista a Luisa Frighi, Campionessa Mondiale WUKF 2a Parte PDF Stampa E-mail
Scritto da Segreteria   
Lunedì 03 Agosto 2009 18:25
continua dalla prima parte


Come ti sei sentita subito dopo aver vinto in una delle categorie più numerose ed impegnative?

Questa è una domanda interessante, e credo che interessante sarà la risposta.
Sull'Unsu della finale, proprio all'ultima tecnica, ho avuto uno sbilanciamento che ha fatto trattenere il respiro a parecchia gente.. compresa me. Finita la gara ad un certo punto si era creata una gran folla attorno al tavolo di giuria del mio tatami. C'erano il coach ucraino, un arbitro e una donna in borghese anche loro del posto. Ho pensato che stessero facendo di tutto per farmi scendere dal primo gradino del podio e viste le circostanze, ho iniziato a preoccuparmi.

Bertoletti e un medico erano lì, e mi facevano cenno di star tranquilla perché era tutto apposto, ma la mia ansia iniziava a crescere, quando vedo arrivare il presidente Morreale, che ad un tratto mi fa un sorrisone e un ok con la mano. Finalmente sorridevo anche io. Sono stati pochi minuti, ma ho accusato molta tensione..
Appena dopo il saluto, il primo che ho abbracciato è stato il maestro Setaro,che mi aveva seguita dall'inizio alla fine, dandomi molto coraggio, e poi ho quasi aggredito di gioia il presidente. Sugli spalti è avvenuto il resto. Ma avevo ancora l'amaro in bocca.


E adesso a tre settimane dalla vittoria, cos'è per te essere una campionessa del mondo?

A tre settimane dal mondiale sono sempre la Frighi che conoscete, consapevole della vittoria a cui penso quasi ogni giorno. Se c'è però una cosa che so ancora meglio è che quel podio ha rappresentato "l'inizio dell'inizio". Ho tanto, ma davvero tanto da lavorare e spero di condividere ancora molto con voi!


Quali sono stati i protagonisti di questi mondiali?

Senza dubbio i protagonisti di questi mondiali sono stati gli ucraini che sono stati davvero forti e favoriti; agonisticamente parlando anche i rumeni hanno avuto un grande spicco. Oltre ad essere degli ottimi atleti in diverse categorie, sono stati una squadra numerosa, affiatata e credo anche ben organizzata, come il Brasile. Inizialmente vederli cosi tanti spaventa, ma poi sul tatami si gareggia da soli, e noi italiani per quanto in minoranza numerica abbiamo fatto la nostra figura, ognuno di noi l'ha fatta, grazie all'umiltà e alla sportività che ci portiamo già dalla palestra.

Leggi tutto...
 
Intervista a Luisa Frighi, Campionessa Mondiale WUKF PDF Stampa E-mail
Scritto da Segreteria   
Venerdì 24 Luglio 2009 18:22
Quest'oggi vi presentiamo un'intervista in due parti a Luisa Frighi, atleta nazionale che si è particolarmente distinta all'ultimo campionato mondiale WUKF di Odessa. Buona lettura



Bene, prima di tutto ti faccio ufficialmente i complimenti da parte della federazione e miei personali per il successo ottenuto. Fammi una tua prima e generale presentazione, quanti anni hai, da quanto pratichi, cosa fai nella vita ecc ..

Ho 21 anni, tra l'altro compiuti proprio in Ucraina il 19 giugno e devo dire che mi sono fatta il regalo più bello del mondo. Sto finendo il secondo anno presso la facoltà di scienze del movimento e dello sport (università degli studi Foro Italico - Roma) e spero di laurearmi al più presto. Pratico karate dall'età di 9 anni e per fortuna ho trovato dei maestri fantastici. Ho preso la cintura nera nel 2003, mentre nel 2007 ho conseguito il secondo dan. Ho trovato una buona realtà in FEDIKA e spero vivamente di poter continuare con voi.


Che cos'è per te il Karate?

Direi che è tutto. Alcuni mi prendono per matta quelle poche volte che me lo sentono dire dato che non amo parlarne. Ne sono profondamente gelosa, lo sento come qualcosa che mi ha segnato la vita, prima di diventarne parte integrante. Spero che le circostanze possano continuare a farmi sentire tutto questo.

Il Karate è come qualcosa di metafisico; è in me, ed è grazie ad esso che sono cresciuta entro saldi principi, poiché oltre ad essere un mezzo con cui equilibrare il mio corpo, mi ha permesso di creare un rapporto con me stessa e di conoscermi, di dare sfogo alla competitività che mi è propria e alle tensioni di tutti i giorni, tanto che saltare allenamento per me è una sofferenza. Mediante questa disciplina, riesco a vivere al meglio e profondamente la vita di tutti i giorni.


Si tratta di uno sport completo sia dal punto di vista psicologico che fisico: tutte le capacità motorie trovano crescita e armonia, contando su un'efficienza che non è solo funzionale per la quotidianità, ma anche per situazioni più particolari. Ho un rapporto particolare con il Karate che mi hanno insegnato: è un dare ed un ricevere, tutti i miei sacrifici e quelli della mia famiglia, sono sempre tornati entro gioie e soddisfazioni che hanno confermato sempre ciò in cui credo.

Infine penso sia il bene più grande che potessi avere poiché mi ha permesso di conoscere i miei magnifici maestri che per me sono come i supereroi per i bambini: loro mi hanno vista crescere e io da sempre li ho ammirati, specie la mia maestra Ornella Sperotto con cui abbiamo coltivato un rapporto bellissimo.

Com'è andata questa trasferta?

Devo dire che, nonostante non sia iniziata al meglio, questa è stata la trasferta più bella della mia vita finora.

Avevo fatto altri viaggi, ma non mi ero mai spinta così ad est. Ci sono stati alcuni problemi legati alla sistemazione alberghiera, ma fortunatamente siamo riusciti a risolverli.

Ciò che mi ha colpito, in positivo intendo, è stata la sincerità e la vicinanza tra organizzatori e atleti, e ripeto, la cosa non ha potuto che farmi piacere. In questo modo infatti da ultima arrivata mi sono sentita presto parte del gruppo federale.

Un'altra cosa che ho apprezzato è certamente il sostegno da parte di tutti che ho sentito in gara e fuori, in allenamento o girando per le vie della città. Proprio ciò fa di questa trasferta la più indimenticabile. In più il 19 giugno compivo 21 anni e non mi sarei mai aspettata che persone conosciute da poco mi fossero così vicine da organizzarmi una festa … è un altro episodio che non potrò mai scordare: inizialmente ero in grande imbarazzo, ma presto, pensandoci, mi sono sentita come in famiglia e mi sono goduta la bellissima sorpresa, con tanto di biglietto e torta ucraini!


 
Leggi tutto...
 
Reportage 3° Campionato Mondiale WUKF Senior and Veterans 2009 Odessa - Ucraina PDF Stampa E-mail
Scritto da Segreteria   


Cinque giorni intensi alla Sport Hall di Odessa in Ucraina per il 3° Campionato Mondiale WUKF Senior and Veterans. La rappresentativa Fedika guidata dal presidente Robi Morreale è composta dal DG Alessandro Trolese, dai Coaches Gennaro Setaro e Pasquale Di Bari, dal giudice Dario Bagatella e dagli atleti Nilde Grassucci, Lia Maenza, Connie De Gregorio, Luisa Frighi, Marco Di Gaddo, Matteo Bigini e Simone Carboni.


All'arrivo veniamo accolti calorosamente dal folklore ucraino tramite la Jundokan Ukraine del presidente Valeriy Kusiy dopo di che ci dirigiamo tutti in albergo in vista del corposo programma che ci aspetta fin dal giorno dopo. La sorpresa negativa è rappresentata dall'albergo che l'organizzazione ci aveva prenotato: una struttura fatiscente, illustrata in altro modo sul web. Dopo un momento di comprensibile scoraggiamento, riusciamo a trovare una sistemazione alberghiera decisamente migliore, anche se a costi alti anche per gli standard italiani.

Il DG Trolese ritrova tanti vecchi amici, insieme a Morreale e Bagatella partecipa al seminario internazionale arbitri: due giorni intensi di teoria e tecnica, esami, lavoro di squadra e tanta, tanta pratica. Il team arbitrale guidato da Sever Cucu e Luis Ivan lavora con impegno in un clima di crescita e reciproca stima.


Grande l'opportunità di conoscere ed allenarsi con alcuni grandi rappresentanti del Karate mondiale quali il M° Teruo Chinen del Jundokan (Goju ryu), il Kando Shimabori per il Wado ryu ed il M° Leslie Safar per lo Shotokan. Palazzetto gremito per la due giorni di stage tecnico di kumite con il pluri campione mondiale Christophe Pinna.


Si è inoltre svolto il primo congresso Wukf, che ha visto eletto, alla carica di presidente, Osvaldo Messias de Oliveira. Riconoscimento per la Fedika con l'elezione di Robi Morreale a vicepredente dell'Europa Occidentale.


Le due giornate di intenso lavoro pre-gara culminano nella bellissima serata di gala riservata ai presidenti delle federazioni e a tutti gli ufficiali di gara.
 
Leggi tutto...
 
Risultati Campionato Italiano 2009 OPEN PDF Stampa E-mail
Scritto da Segreteria   
Giovedì 21 Maggio 2009 16:15

RISULTATI CAMPIONATO ITALIANO GAETA 26/04/2009
PRIMI CLASSIFICATI

KATA



BAMBINI FEMMINE
gialla Miriana Tozzi (K. Monsummanese) shotokan
arancio Ludovica Giovinazzo (C. F. Montello)
verde Giulia Zampini (Shobukai Campobasso) shito
squadre g/a/v

BAMBINI MASCHI
gialla Matteo Nunziata (Shobukai Campobasso) shito- Russo Gabriele (Do Academy) shotokan
arancio Angelo Di Bari (Do Academy Taranto)
verde Emiliano Giovannetti (Kobra Altopascio)
squadre g/a/v S. Yama Arashi Pontedera, Loris Biasci, Kevin Macelloni, Giovanni Azzarelli

RAGAZZI FEMMINE
gialla Francesca Cornacchione (Shobukai) shito - Ilaria Tosetto (Montello) shotokan
arancio Claudia Nardi (Vikingo) wado – Elena Giovinazzo (Montello) shotokan
verde Claudia Setaro (Do Academy) shito- Naike Marini (Montello) shotokan
blu Giulia Mancini (S. Yama Arashi)
marrone Ilaria Boncristiano (Shobukai)
squadre g/a/v

RAGAZZI MASCHI
gialla Gianluca Vidali (C.F. Montello) shotokan – Antonio De Nigris (Shobukai) shito – Riccardo Monaco (Vikingo) wado
arancio Francesco Maggiore (Do Academy) shotokan - Alessandro Cerio (shobukai) shito – Matteo Nardizzi (Vikingo) wado
verde Angelo Tulbure (Shobukai) shito – Rodolfo Coppotelli (C. F. Montello) shotokan
blu Stefano Zampini (Shobukai)
marrone Matteo Castagna (Funakoshi Sora) shotokan – Francesco Barile (Shobukai) shito
squadre g/a/v S. Yama Arashi Pontedera, Loris Biasci, Francesco Azzarelli, Dario Morelli

ESORDIENTI FEMMINE
gialla Elisa Corvaro (Kamakura Goshin kai) shito – Chiara Risica (Nadir Catania) shotokan
arancio Alessia Raschiatore (Kamakura Goshin) shito – Giulia Francalacci (K. Rosignano) shotokan
verde Elisa Cozza (Bushido)
blu Matilde Niccolai (S. Yama Arashi)
marrone Elisa Damo (Montello) shotokan – Silia Picciano (Shobukai) shito

ESORDIENTI MASCHI
gialla Luciano Terella (Skjm Sezze) shito – Robin Esposito (Do Academy) shotokan
arancio Marco Di Ubaldo (Kamakura) shito - Leonardo Lenzi (K. Rosignano) shotokan
verde Luca Mancini (Shobukai) shito – Mario Masella (Budokan Musahi Gaeta) shotokan
blu IvanRosa (Montello)
marrone Giorgio Meroni (Ken To Zazen Tribiano) shotokan – Alessandro Terebini (Shobukai) shito
nera Nicholas Leoncini (S. Yama Arashi)
squadre g/a/v Shobukai Campobasso ( De Nigris, Imre, Nunziata) shito – Karate Rosignano (Guillame, Perugi, Andolfi) shotokan
squadre b/m/n Shobukai Campobasso

CADETTI FEMMINE
cintura b/g Mariella Rigoletti (Shobukai) shito – Giulia Marullo (Nadir) shotokan
cintura a/v Michela De Spagnolis (Budokan Gaeta)
cintura b/m Elisa Bernabei (Senshinkai Abano T.) goju - Michela Marchiori (Montello) shotokan
cintura nera Chiara Doveri (S. Yama Arashi) shotokan – Maria Luisa De Santis (Skjm) shito
squadre g/a/v Karate Rosignano ( Agujari, Lenzi, Andreotti)

CADETTI MASCHI
cintura b/g Gianmarco Di Lisio (Shobukai) shito – Giulio Masiello (A.K. Gallipoli) shotokan
cintura a/v Giuseppe Carabellese (Shobukai) shito – Manuel Coppotelli (Montello) shotokan
cintura b/m Luca Iacono (Do Academy) shito - Alessandro Guerra (Montello) shotokan
cintura nera Ugo Discenza (Shobukai) shito - Tommaso Podestà (Nadir) shotokan
squadre g/a/v S. Yama Arashi (Norci, Costagli, Fontanelli)

JUNIORES FEMMINE
cintura b/g Serena Sepi (Bushido)
cintura a/v Francesca Bruzzani (K. Monsummanese)
cintura b/m Alessia Blocca (Do Academy) shito – Mara Marchetti (K. Monsummanese) shotokan
cintura nera Ilena Baraldo (Senshinkan Abano) goju- Francesca Tuzi (Skjm) shito- Giulia Calabrò (K. Rosignano) shotokan
squadre b/m/n Shobukai Campobasso ( Giamberardini, Rigoletti, Vitullo) shito – Karate Monsummanese ( Falzarano, Gori, Trivigno) shotokan

JUNIORES MASCHI
cintura b/g Matteo Del Vecchio (Montello)
cintura a/v Salvatore Nardone /Budokan Gaeta)
cintura b/m Giovanni Corvaro (Kamakura) shito – Enrico Damo (Montello) shotokan
cintura nera Raffaele Sarno (Skjm) shito – Rocco Graziano (Aks) shotokan

SENIORES FEMMINE
cintura b/g Ilaria Di Cicco (Kobra)
cintura a/v Marta Cerri (Bushido)
cintura b/m Federica Casini (Kobra) shotokan – Lucia Bianconi (Shikado Roma) shito
cintura nera Luisa Frighi (Montello) shotokan - Nilde Grassucci (Skjm) shito
squadre b/m/n Skjm Sezze (Grassucci, Maenza, Tuzi) shito - Centro Fitness Montello (Frighi, Fusco, Marchiori) shotokan

SENIORES MASCHI
cintura b/g Massimo Condotti (K. Monsummanese)
cintura a/v Marco Fuoti (Shobukai) shito – Matteo Di Marco (K. Monsummanese) shotokan
cintura b/m Davide Girardi (Montello)
cintura nera Alessio Gallo(K. Monsummanese) shotokan –Francesco Massidda (Do Academy) shito
squadre g/a/v Shobukai Campobasso ( Carabellese, Di Lisio, Fuoti)
squadre b/m/n Skjm Sezze (La Penna, Sarno, Luison) shito – S. Yama Arashi Pontedera (Deri, Bigini, Trolese)

MASTER MASCHI
cintura a/v Dario Dara (Kobra)
cintura b/m Guglielmo Robibaro (Shikado) shito – Daniele Nucci (K. Monsummanese) shotokan

MASTER FEMMINE
cintura a/v Maria Grazia Micheli (Kobra)

CLASSIFICA SOCIETA' KATA

1. Centro Fitness Montello
2. Shobukai Campobasso
3. Karate Monsummanese
4. S. Yama Arashi Pontedera


KUMITE


GAME
Francesco Azzarelli (S. Yama Arashi)

RAGAZZI
Matteo Castagna (Funakoshi Sora)

ESORDIENTI MASCHI
55 Giorgio Meroni (Ken To Zazen Tribiano)
+ 55 Marco Caroti (Bushido)

ESORDIENTI FEMMINE
50 Valeria Polsinelli (Shobukai)
+50 Silia Picciano (Shobukai)

CADETTI MASCHIl
g/a/v – 60 Gianmarco Di Lisio (Shobukai)
g/a/v – 70 Samson Waldmann (S. Yama Arashi)
b/m – 60 Dharma Busetto (S. Yama Arashi)
b/m – 70 Rocco Marsigliese (Funakoshi)
nera – 60 Tommaso Podestà (Nadir)
nera – 70 Andrea Minardi (ken To Zazen)
nera + 70 Ugo Discenza (Shobukai)

CADETTI FEMMINE
b/m Cristina Stanciu (S. Yama Arashi)

JUNIORES MASCHI
g/a/v Salvatore Nardone (Budokan Gaeta)
b/m Daniele Corsaro (Vikingo)
nera – 75 Luca Minardi (Ken To Zazen)
nera + 75 Riccardo Magrin (Montello)

JUNIORES FEMMINE
nera – 60 Annalaura Vitullo (Shobukai)
nera + 60 Manuela Bottai (S. Yama Arashi)

SENIORES MASCHI
g/a/v Marco Fuoti (Shobukai)
b/m – 70 Stefano Russo (Vikingo)
b/m 80 Daniel Del Monte (Kobra)
nera – 70 Matteo Bigini (S. Yama Arashi)
nera – 80 Valerio Ciccarelli (Aks)
nera + 80 Francesco Caradonna (Nadir)
squadre AKS (Ciccarelli, Acconcia, Vadruccio, Sbardella)

SENIORES FEMMINE
nera – 65 Luisa Frighi (Montello)

CLASSIFICA SOCIETA' KUMITE

1. S. Yama Arashi Pontedera
2. Shobukai Campobasso
3. Funakoshi Sora
4. Nadir Catania
 
L'Allenatore allena, l'Istruttore allena e istruisce, Il Maestro insegna. PDF Stampa E-mail
Scritto da Segreteria   
Sabato 02 Maggio 2009 23:28
tratto da manuale per tecnici Fedika
 
Il compito dell'allenatore è quello di ripetere schemi di allenamento suggeriti dalla Federazione e preparati da un Istruttore o da un Maestro. L'allenatore deve scrupolosamente attenersi ai programmi già predisposti. Questo serve a costruire nell'allenatore delle idee chiare sulla composizione di una sessione di allenamento delle Arti Marziali e ad acquisire la sequenza didattica Federale, che lo porterà a non commettere degli errori che possano inficiare la qualità dell'insegnamento nelle Società sportive affiliate alla Fedika. Tale sequenza viene creata e discussa nell'ambito del Consiglio dei maestri (Shihan kai). L'allenatore deve concentrarsi nel seguire i programmi senza nessuna personalizzazione. Il compito dell'allenatore si limita all'allenamento tecnico-fisico.

Con il conseguimento della qualifica di Istruttore Federale, viene riconosciuta l'abilità conseguita nel tirocinio come allenatore nel seguire i programmi tecnici predisposti dalla Federazione. L'istruttore FEDIKA deve a questo punto, con l'ausilio dei supporti didattici della Federazione, iniziare a costruire delle lezioni tecniche basate sui programmi e su argomenti strettamente correlati. L'istruttore deve tendere ad essere esperto in tutti gli aspetti tecnico-teorici della tecnica, che comincerà a spiegare in speciali momenti all'interno della sessione di allenamento (che abbiamo denominato LEZIONE TECNICA). Il compito dell'istruttore è di allenare ed impartire delle LEZIONI TECNICHE, inerenti esclusivamente ai programmi Federali.

La qualifica di Istruttore superiore, identifica quegli istruttori che si stanno preparando all'esame di Maestro. L'istruttore superiore, pur non avendo ancora raggiunto la completezza tecnica necessaria per l'esame di Maestro, vera laurea nelle Arti Marziali, si distingue dall'istruttore per la licenza conferita dalla Federazione che gli consente di tenere LEZIONI TECNICHE anche su argomenti non direttamente correlati ai programmi Federali. L'istruttore superiore dovrà comunque chiedere l'assistenza di un Maestro per la compilazione di detti programmi. Il Maestro che assiste l'Istruttore superiore, sarà responsabile verso lo Shihan Kai del buon lavoro svolto dall'Istruttore superiore. Il compito dell'Istruttore superiore è creare LEZIONI TECNICHE di tipo mediamente complesso, con la supervisione di un Maestro. Il Maestro "supervisore responsabile" sarà in seguito colui il quale presenterà l'istruttore superiore agli esami di Maestro.

Il Maestro di Arti Marziali è la più alta personalità tecnica Federale. In lui si sommano le abilità tecniche ottenute attraverso gli anni di tirocinio come allenatore, istruttore e istruttore superiore. Il Maestro di Karate o di altre Discipline deve conoscere tutti gli aspetti anche minimamente correlati con l'Arte Marziale. Al Maestro la Federazione chiede di possedere speciali caratteristiche didattiche, tecniche e dirigenziali, unite ad una speciale personalità, diversa dagli altri Maestri, che possa servire da filtro per ottenere diversi e nuovi punti di vista tecnici al fine di portare alla crescita negli anni futuri la propria disciplina Marziale. Il compito del Maestro di Arti Marziali è quello di tracciare nuove vie sperimentando gli aspetti più inusuali della tecnica. Il Maestro di Arti Marziali non allena, impartisce LEZIONI.

 
<< Inizio < Prec. 21 22 23 Succ. > Fine >>

Pagina 22 di 23
Italian Chinese (Simplified) English French German Portuguese Russian Spanish
Partners
 100 visitatori online

Prossimi Appuntamenti

Dicembre 2017
CAMPIONATO MONDIALE UWK
-
Road to WUKF 2018
-
17 Dicembre 2017
Qualificazione NORD
Lonato sul Garda (BS)
-
14-17 Giugno 2018
7th WUKF WORLD KARATE
CHAMPIONSHIPS
FOR ALL AGES

Dundee (Scotland)

-
25-28 Ottobre 2018
10TH WUKF EUROPEAN
KARATE CHAMPIONSHIPS

MALTA